martedì 17 settembre 2019

Via dal ministero Giulia Grillo la “traditrice”

di Osservatorio politico M5S


Un aspetto positivo del nuovo governo  è stata la rimozione di Giulia Grillo da ministro della salute: unica pecora nera tra i ministri cinque stelle del governo con la Lega.


Prima delle politiche del 2018 Giulia Grillo era “scatenata” contro il decreto Lorenzin sulle vaccinazioni obbligatorie, forse sin troppo tenuto conto che la posizione del Movimento 5 Stelle non è mai stata contro le vaccinazioni, ma contro l’obbligatorietà e, soprattutto, contro l’esclusione di bambini (sani) da asili e scuole dell’infanzia.

*sostienici visitando la pubblicità - basta un click*



Dopo essere diventata ministro della salute, non per meriti speciali, ma grazie al lavoro e all’impegno di migliaia di attivisti sul territorio, la Grillo ha dimenticato completamente la sua posizione “elettorale” e non ha minimamente realizzato quanto avevamo promesso in campagna elettorale, ossia un reale superamento del decreto Lorenzin.

Per tale ragione molti attivisti ed elettori del Movimento 5 Stelle la considerano una “traditrice” e non hanno mancato di segnalarlo sul suo profilo facebook (fino ad essere bannati).

Il comportamento della Grillo ha fatto perdere molto consenso elettorale al Movimento, come spiegato a suo tempo dal coordinatore dell’Osservatorio nell’articolo Elezioni europee: crollo del M5S e responsabilità di Giulia Grillo.

Il Movimento 5 Stelle deve essere coerente con se stesso e con gli impegni presi con il proprio elettorato prima delle politiche del 2018, come lo sono i tantissimi portavoce che hanno firmato per mantenere quanto promesso e di cui nell’articolo Vaccinazioni: 180 portavoce M5S firmano per la libertà di scelta.

Bene aver liberato il ministero della salute dalla presenza di Giulia Grillo, ma ora serve imporre al governo (come minimo) la distinzione tra obblighi vaccinali e frequenza scolastica nel rispetto del diritto all’istruzione.

6 commenti:

  1. PRIMA azione, POI il voto. Niente più voti sulle intenzioni.

    RispondiElimina
  2. Hai detto bene il movimento deve essere coerente con ciò che dice. E se non si è sicuri di poter fare una cosa piuttosto non dite nulla. No tap, si tap,no Europa, si Europa, no pd, si pd, no vaccini, si vaccini, e adesso addirittura c'è un post dove si dice che i 5 stelle vogliono la caccia Liber a tutto l'anno. Dopo che prima ci eravamo schierati dalla parte degli animalisti. Ma dai non potete continuare così, è ovvio che si perde consenso.

    RispondiElimina
  3. Ma scusate... Fate gli articoli adesso? Quando era al ministero tutto bene no? Vergognatevi, meglio che mi fermo

    RispondiElimina
  4. A mia memoria, la più insignificante e inutile ministra della sanità.

    RispondiElimina
  5. Alessandro, qualche speranza che i 5 stelle mantengano ancora la promessa riguardo la libertà di scelta??!!
    Se si rendessero conto di quanti voti riguadagnerebbero...!!!!!

    RispondiElimina